Questo sito utilizza i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa

GEMELLAGGIO CHIESA DEDICATA A

SANTA MARIA ANNUNZIATA MADRE DELLE GRAZIE

 

 

 

 

 

 

Domenica 11 novembre 2012,  in localita’ Bumbwisudi, nella parrocchia di Kitope è stata  benedetta una nuova chiesa dedicata  a “Santa Maria Annunziata Madre delle Grazie”. All’interno della stessa, in posizione centrale dietro l’altare, è stata intronizzata un’icona della Beata Vergine Maria, copia del trecentesco affresco custodito e venerato nella chiesa di  Morciola.

 

L’Icona, opera dell’artista pesarese Paolo Polidori  in occasione della solennità di Tutti i Santi  è stata benedetta da don Salvatore Parisi parroco di S. Maria Annunziata in Morciola.

 

Con lo scopo di diffondere nell’ isola di Unguja, culto e devozione alla Divina Misericordia, accanto all’immagine della Vergine, è stata posta anche una tela raffigurante l’ immagine di Gesù Misericordioso.

 

Dai contatti tramite corrispondenza  tenuti tra la parrocchia di Kitope , nella persona di padre Damas Mfoie  e don Salvatore Parisi  è nata la proposta di un gemellaggio; così nella cerimonia  di inaugurazione e apertura al culto di questa nuova chiesa presieduta da S. E. Mons. Augustine Ndeliakyama Shao vescovo di Zanzibar e concelebrata da padre Damas Mfoi parroco di Kitope, nonché da altri parroci dell’isola,  si è festeggiato il gemellaggio  di cui  sopra. A rappresentare  la parrocchia di Morciola vi  era il vicario parrocchiale don Franki Valencia Hernandez, anche lui concelebrante Era presente, altresi’ una delegazione proveniente dalla parrocchia di Morciola  e parrocchie limitrofe composta da  una trentina di persone giunti sul posto già da alcuni giorni prima della cerimonia per dare una mano agli ultimi lavori di allestimento. 

 

Nell’occasione di questa bellissima festa inebriata di colori, hanno ricevuto  il Sacramento della Confermazione, trentasette ragazzi. È stata anche inaugurata una scuola–asilo in grado di ospitare oltre 100 bambini e dedicata a Giovanni Paolo II.

 

L’intera opera si è concretizzata  grazie all’impegno e alla solidarieta’ di una famiglia residente nella diocesi di Urbino che coinvolgendo anche altre persone, in  collaborazione con le Autorita’ della diocesi di Zanzibar hanno voluto accompagnato e sostenuto  la realizzazione di tali opere.

 

Il territorio dell’ isola di Unguja,  ha una popolazione di 1,3 milioni di abitanti  di cui  meno dell’ uno per cento sono cristiani, in totale circa diecimila cattolici mentre il resto della popolazione è invece musulmana. La  parrocchia di Kitope è segnata dalla povertà ,dalla mancanza di strutture sanitarie, di asili, di luoghi di promozione umana. Considerando la necessità di far fronte a questi drammi estremi il vescovo Mons. Augustine Ndeliakyama Shao, ha sottolineato che: ”la Diocesi ha deciso di evangelizzare tutti, compresi i musulmani, mediante dei servizi che sono soprattutto rivolti  all’educazione e alla salute  attraverso la costruzione di  asili scuole ospedali”. Mons. Augustine Ndeliakyama Shao, ha inoltre sottolineato con forza che: “in questo modo i bambini musulmani  e cristiani  crescono insieme come amici  in uno spirito che alimenta la pace e la giustizia. Crediamo  che questo sia anche il modo migliore per instaurare  un dialogo  tra musulmani e cristiani .”

 

Dopo  la celebrazione eucaristica tutta la popolazione  ha continuato a festeggiare  con canti e balli tradizionali e con banchetti preparati dalle stesse donne del luogo.

 

Con la certezza che  l’unione in Cristo elimina le enormi distanze, continuiamo a  pregare  in comunione con i nostri fratelli dell’isola di  Unguja affinché questo gemellaggio diventi un ponte di vera solidarietà; in tal modo manterremo vivo e  reale  il senso della nostra opera “lavorare insieme per il Regno di Dio per vivere la carità”.