Questo sito utilizza i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa


 

II Domenica del Tempo Ordinario 

 

Il tema centrale di questa domenica è la vocazione. La 1° lettura è il racconto di una vocazione profetica quella di Samuele, personaggio di grande rilevanza nella storia di Israele perché guidò il popolo dalla organizzazione tribale a quella della monarchia con il re Saul.

La chiamata del giovane Samuele, nato come dono di Dio da una donna sterile, è una chiamata a più tappe. La semplicità della narrazione con la triplice esatta ripetizione della chiamata e della risposta avviene nella notte, in tono molto intimo e tranquillo pace notturna del tempio, durante il sonno. Per tre volte Samuele risponde alla chiamata pensando che fosse Eli a chiamarlo: quanto apprendistato nel riconoscere la voce di Dio! Dio però insiste, continua chiamarlo e la completa disponibilità di Samuele alla vocazione (eccomi!) farà di lui il grande profeta, ricordato come colui che non lasciava andare a vuoto una sola Parola.

Anche il Vangelo è un racconto di vocazioni: quella di Andrea e l'altro discepolo (lo stesso Giovanni che scrive), che precedono quella di Pietro. Giovanni Battista fissando sguardo su Gesù invita i suoi due discepoli a seguire Lui additandolo come l'Agnello di Dio. Anche in questo caso la scoperta della missione è progressiva: all'inizio c'è la ricerca "chi cercate?", poi la sequela "andarono e videro", che comprende anche una sosta "si fermarono".

In questi racconti di vocazione c'è un elemento comune: quello della mediazione. Per Samuele il mediatore è il sacerdote Eli; per Andrea e l'altro discepolo il mediatore è Giovanni Battista: per Pietro il mediatore è Andrea suo fratello. Ognuno di noi è chiamato ad una particolare missione e, diventando testimone di quello che ha trovato, può aiutare altri fratelli a riconoscere la chiamata di Dio che, come cambiò il nome di Simone in quello di Pietro, sempre cambia anche il corso della nostra vita.