Questo sito utilizza i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa

III Domenica del Tempo Ordinario 

 

Ancora due racconti di vocazione come nella scorsa domenica. Nella 1° lettura vediamo il profeta Giona che, fuggito dalla missione che avrebbe portato misericordia e salvezza al popolo nemico, costretto dalla Parola di Dio rivoltagli per la seconda volta si rassegna ad annunziare la conversione a Ninive, capitale dell'impero Assiro. I Niniviti accettano con prontezza la conversione.Il Vangelo narra la chiamata dei discepoli di Gesù che non esitano come Giona, ma rispondono con prontezza: "subito, lasciate le lo seguirono". La chiamata parte sempre da Dio, sia per Giona che mai avrebbe accettato questa missione, sia per Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni che non avrebbero lasciato tutto se non fosse passato Gesù. Marco, all'inizio del suo Vangelo, descrive l'attività di Gesù "dopo che Giovanni fa arrestato": prima tutti andavano al Battista per farsi battezzare, ora è Gesù che passa accanto alla gente lì dove essa vive.

Mentre Simone e Andrea, Giacomo e Giovanni, due coppie di fratelli, erano al lavoro nelle loro barche, Gesù passa e li sceglie, li chiama, e cambia la loro vita donando loro una missione a cui da il nome del loro stesso mestiere: essere pescatori, non più di pesci, ma di uomini.

Marco ci indica quale sarà il messaggio del loro kèrigma, che possiamo dire compie quello di Giona: credere e convertirsi perché il tempo è compiuto, il Regno è vicino. Gesù in cui trovano compimento le attese di secoli, è ormai qui. "Il tempo ormai si è fatto breve" fa eco S. Paolo nella 2° lettura: il tempo non in senso cronologico, ma come momento favorevole, kairòs. La salvezza è qui: il mondo presente è da vivere "come se non", ripete S. Paolo per ben cinque volte.

La vicinanza del Regno di Dio chiede un'adesione senza esitazione. Dio viene e la sua chiamata alla conversione, "credete al Vangelo", è radicale: un'inversione di rotta per orientarsi verso il Vangelo.